Mer. Mag 18th, 2022

Il coronavirus, con un impatto mediatico devastante, associato ad un governo che ha gestito malissimo la fase iniziale, sta compromettendo la vita economica italiana. Ora tutto rischia di fermarsi. È inutile girarci intorno: contro la paura c’è poco da fare. Ormai in tutto il mondo gli italiani sono considerati appestati, grazie a tutto il bordello creato intorno ad un virus che è innocuo. Ha solo il problema del contagio veloce e può mandare in tilt le sale intensive. Questo è l’unico vero problema, per il resto si guarisce in meno di una settimana. Chi ne risente è la nostra economia. Il settore turistico è collassato in un giro di una settimana. Ora facciamo attenzione a non far collassare il settore produttivo, che proprio nella zona rossa ha gran parte della sua produzione. L’Europa si è dimostrata solo un’unione bancaria e nient’altro, e con un’emergenza come quella in atto è completamente assente, dimostrando in pieno la sua inutilità. Adesso come popolo italiano, popolo sovrano, come nazione libera, dobbiamo dare una lezione a tutti: compriamo solo prodotti italiani, facciamo girare l’economia all’interno del nostro stato sovrano. Facciamo gite e vacanze in Italia, concentriamo il nostro interesse solo sulla nostra splendida nazione che, in queste ore, rischia di precipitare e per rialzarsi ci vorranno gli stessi sforzi e sacrifici del dopoguerra. Il resto del mondo quando ha bisogno di noi, per non parlare dell’Europa, ci usano, ma ora tutti ci trattano da infettati, cosa che non siamo.

SALVIAMO L’ITALIA NOI ITALIANI.