Mar. Lug 5th, 2022

Gli immigrati arrivati in Italia sono smistati in altre regioni d’Italia poiché la Sicilia è ormai al collasso. Gli smistamenti invece di essere orientati verso altri paesi europei, al momento, come ha deciso il governo di sinistra M5S-PD-LEU-IV, sono dirottati verso altre regioni italiani. Molti immigrati sono risultati positivi al coronavirus, pertanto per loro è stata imposta la quarantena. Anche per gli altri è stata imposta la quarantena fiduciaria.

Succede, purtroppo, che questi immigrati non rispettano la quarantena, chi inizia proteste vibranti distruggendo i centri d’accoglienza, chi invece scappando via dai centri, creando non poche preoccupazioni essendo positivi al covid. Nelle ultime ore c’è stata una protesta nell’ex Caserma Cavarzerani di Udine, ora assegnata all’accoglienza dei migranti. Quella di oggi è la seconda rivolta dopo quella nell’ex Caserma Serena di Treviso. Da nord a sud, in tutto il Paese si verificano eventi come questo che fanno alzare i livelli di guardia e preoccupano le amministrazioni locali.

Al momento si può dire che c’è una vera e propria emergenza immigrazione. Tutto dovuto alle cattive politiche di sinistra sull’accoglienza a tutti i costi degli immigrati. Salvini provò a fermare questa macchina infernale ed è finito sotto processo. I migranti, una volta giunti sul nostro territorio, però, non ci stanno a veder prolungato il periodo di isolamento e vogliono uscire dai centri adibiti per accogliere il numero sproporzionato di immigrati che stanno arrivando sulle nostre coste.

L’arrivo di stranieri infetti nel nostro Paese è in realtà un problema estremamente grave, anche perché molti di questi riescono a fuggire dalle strutture in cui vengono ospitati. Il governo sembra aver perso il controllo sull’immigrazione, e quello che riuscì a Salvini non sta riuscendo a questo governo. Il governo paga a caro prezzo l’ideologia di sinistra sugli immigrati. Ma gli italiani in questo momento vivono il peggior momento della storia repubblicana, non possono addossarsi un’altra situazione quasi emergenziale dovuta ad un flusso molto alto di immigrati che approdano sulle nostre coste siciliane.