Mer. Feb 8th, 2023

PARTE- Va detto che amministrare un comune ai tempi d’oggi non è cosa facile, e spesso quello che si promette tarda ad arrivare, anche perché risorse non ce ne sono e quindi bisogna fare la formica per ottenere dei risultati. Stamattina il M5S ha posto l’attenzione sulla rotatoria di via Amendola, forse privi di argomenti era l’unico appiglio per dire qualcosa. Parete non è l’unico comune che ha rotatorie provvisorie in fase sperimentale, per poi cercare di reperire i fondi per realizzarle. Ricordo quella sulla strada Parete-Aversa, all’altezza dell’ippodromo, rimasta provvisoria per parecchio tempo, oggi però ha la rotatoria ben fatta perché il comune trovò le risorse per realizzarla. Ci vuole tempo, ed ha ragione il sindaco a sottolinearlo.

A parlare sono sempre tutti bravi, il problema è fare i fatti che è cosa ben diversa, come anche partecipare alle attività di un movimento o partito di riferimento. Ecco che stamattina si è aperta una polemica tra il M5S locale e il sindaco Gino Pellegrino. Il Movimento richiamava l’attenzione del sindaco sul ritardo accumulato per la mancata realizzazione della rotatoria in Via Amendola. A mio avviso, come detto, un modo per parlare visto che la situazione dell’ente non è tanto piacevole economicamente.

Prontamente è giunta impeccabile la risposta del sindaco: “Amministrare la cosa pubblica è cosa complessa. Mi sembra di aver già risposto a questa stessa domanda alcuni mesi fa. Vedo che per la sezione locale del M5S questa sia una priorità: farla subito costi quel che costi – ha scritto il sindaco Pellegrino – Non so se questa priorità sia la stessa dei cittadini. Per realizzare questa rotonda avevamo 3 possibilità:
1) realizzarla con risorse del bilancio comunale. Cosa che un anno e mezzo fa non era possibile per la nota vicenda della situazione dei conti comunali. Oggi avendo sistemato in parte i conti potremmo farla;
2) farla realizzare ad un privato a scomputo degli oneri di urbanizzazione. Abbiamo avuto anche proposte in tal senso. Ma questa ipotesi comporterebbe minori entrate nelle casse comunali;
3) accedere ad un finanziamento regionale per utilizzare fondi comunitari. La terza ipotesi era sicuramente la scelta migliore per la nostra comunità. Perché potevamo buttare fumo negli occhi già da qualche mese, ma non avremmo fatto la scelta migliore per i cittadini.

Visto che ci siamo interessati molto alla terza ipotesi prima di intraprendere le altre due strade e in Regione ci hanno comunicato che doveva uscire un bando che finanziasse proprio questa tipologia di interventi per questo motivo abbiamo preferito aspettare. Finalmente ieri abbiamo avuto la buona notizia della pubblicazione del bando sul BURC. Per chi volesse visionarlo può cliccare qui http://www.burc.regione.campania.it/eBur…/directServlet…
Vi anticipo che parteciperemo a questo bando con diversi progetti Ivi compreso via Amendola con la Rotonda. Appena sapremo l’esito della domanda procederemo o con il finanziamento o con le altre ipotesi. Dovete avere un po’ di pazienza-
conclude Pellegrino.