Dom. Mag 29th, 2022

Le persone vogliono divertirsi, vogliono sorridere, la vita è già ampiamente amara. Ieri sera Piazza Berlinguer è stata animata dalla Tamorra, che l’associazione Carinaro attiva da quattordici anni porta in giro per la provincia di Caserta. Ieri sera c’è stata la consueta tappa a Parete in occasione dei festeggiamenti di Maria SS della Rotonda. Tante persone hanno affollato e animato la piazza per ballare. Il risultato vede Piazza Berlinguer battere il Palazzo Ducale 1-0.

Ironia a parte, è il segnale tangibile che la troppa importanza data al palazzo ducale non sta dando i frutti sperati. Riportare vita nel centro storico del paese significa portare gente in strada, cosa che il palazzo ducale finora non ha mai fatto. Quando si è organizzato qualcosa, il tutto è stato rilegato al suo interno, lasciando isolato tutto il resto del paese. Ieri sera invece tutto era ampiamente rianimato a prescindere dai festeggiamenti.

Finora il Palazzo Ducale non ha dato i risultati sperati, anzi, ha alimentato il deserto nel centro storico nonostante esso è collocato in pieno centro. Si organizzano molte cose che alla fine non interessano i cittadini, e lì dentro c’è sempre pochissima gente e non crea quel passaggio di persone utile al centro storico. Bisogna prenderne atto. È necessario iniziare a ponderare bene anche come si spendono i soldi. Risulta che per mezza mattinata di corsa podistica siano stati spesi da parte dell’ente 19.734  euro, quasi 40 milioni delle vecchie lire. Una somma esorbitante per il contenuto in ore dell’evento. Nulla in contrario alla maratona, per carità, tutti l’hanno sempre apprezzata, ma la spesa è esagerata, troppo esagerata.

Anche in merito alle altre spese che ruotano intorno all’evento del festival della fragola, 82mila euro in totale: 70mila euro finanziati dalla regione Campania, 2000 euro a carico del comune e 10mila euro in sponsor, tra cui rientra anche la podistica, ci sono molte spese che vanno esaminate. Oltretutto, nonostante il tutto sia tutto ampiamente finanziato, ogni volta si chiede un contributo ai cittadini anche per assaggiare una sola fragola, e non è corretto. Finché questi soldi si spendono e portano realmente benessere a tutta la comunità, va bene, ma se non portano un pubblico massiccio utile anche alle altre attività economiche presenti sul territorio, sono soldi spesi male, e su questo bisogna ragionare a fondo.