Lun. Ago 15th, 2022

Erano da poco passate le 11,30 quando in via 25 aprile, a Parete, si è sentito un colpa d’arma da fuoco. Subito dopo le grida di disperazione di una donna che chiedeva aiuto. All’interno della casa c’era Francesco Sabatino, 56 anni, di Giugliano, senza vita. L’uomo si è sparato un colpo di pistola alla tempia ed è morto sul colpo.

Francesco era di Giugliano ma trascorreva maggior parte del suo tempo a Parete nella casa della sua compagna, una donna straniera. La donna quando ha sentito il colpo di pistola non ha potuto fare altro che chiedere aiuto. Sul posto è giunta un ambulanza del 118, ma non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. Sul posto sono giunti anche i carabinieri di Aversa e quelli della locale stazione.

Dalle informazioni raccolte sembra che l’uomo in passato abbia sofferto di stati depressivi, ma ora stava bene e non dava nessun segno che potesse far presagire a un gesto simile. Da tutti descritto come una persona tranquilla e molto brava, sempre propensa a fare del bene agli altri. I parenti non si danno pace, un gesto che al momento non trova spiegazioni. La salma è stata trasportata all’ospedale di Caserta e messa a disposizione delle autorità giudiziarie.