Ven. Lug 1st, 2022

Il sindaco di Parete, Gino Pellegrino, ha sottoscritto un’ordinanza che prevede test rapidi al covid19 per una serie di categorie maggiormente esposte. Si tratta di una scelta orientata ad avere una prevenzione in più. I test verranno somministrati a tutti quei soggetti che comunque non potrebbero avere un tampone se non presentano alcuna sintomatologia. Quindi si tratta di una verifica in più e non sostitutiva del tampone.

I test in Vitro Veloce verranno fatti alle seguenti categorie di persone:

a) i soggetti potenzialmente collegati ad un cluster o comunque esposti a contagio (contatti famigliari, lavorativi o sociali/occasionali di casi sospetti o confermati) che sono stati o possono essere stati a contatto con un caso confermato o probabile di COVID-19, focalizzando la ricerca degli stessi con particolare attenzione alle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi fino al momento della diagnosi e dell’isolamento del caso;

b) il personale del Servizio Sanitario Regionale, i medici di medicina generale (medici di famiglia), i pediatra di libera scelta, i farmacisti, gli operatori delle Strutture per non autosufficienti;

c) alcune categorie di lavoratori dei “Servizi Essenziali” con priorità verso quelli con maggiore contatto con la popolazione generale, iniziando pertanto con gli addetti alle casse dei supermercati e negozi alimentari e la cui attività non è sospesa, Vigili del Fuoco e Forze dell’Ordine, con possibilità di ampliamento al variare dello scenario epidemiologico;

d) i soggetti rientrati sul territorio comunale e loro familiari e/o contatti.