Dom. Feb 5th, 2023

Forse è l’unica iniziativa di Natale degna di cronaca, quella che si sta svolgendo in questo mese di dicembre in vista del Natale. Si è iniziati con la novena dell’immacolata per poi passare a quella del Natale, che avrà come serata conclusiva la vigilia di Natale con la messa di solo uomini come tradizione vuole.

Quest’anno l’atmosfera che si respira è ben diversa, la modifica apportata dal parroco don Antonio Raimondo, che ha deciso di celebrare la funzione della novena alle 20.30 consentendo, di fatto, un’ampia partecipazione di fedeli, sta dando ragione al parroco. Ogni sera la chiesa è piena di fedeli che partecipano al rito religioso nell’attesa della nascita del messia.

Vedere la chiesa aperta in orario inconsueto, fa respirare quell’atmosfera natalizia che altrimenti non si respirasse. In un paese spento e deserto, dove tutto è avvolto dal silenzio e scivola verso il nulla, la parte religiosa lo sta arricchendo e lo rende più vicino, nel concreto, all’evento del santo Natale. Possiamo dire che la chiesa si è rimpossessata del suo ruolo cardine di guida per i fedeli nel periodo natalizio. Un passo avanti apprezzato soprattutto dai tanti fedeli che ogni sera partecipano alla funzione religiosa, apprezzandone in pieno le spiccate doti che, sia il parroco sia i suoi collaboratori, stanno portando avanti per portare nei cuori dei fedeli il calore del Natale.