Sab. Nov 26th, 2022

Chi non ricorda le tante battaglie delle sinistre a favore delle donne. Chi voleva ogni dicitura della lingua italiana al femminile quando si indicava una donna. Le femministe che scendevano in piazza a favore delle donne. Insomma, la sinistra le ha combinate di tutti colori. Ma alla fine chi ha portato la prima donna premier in Italia è il centrodestra. Oggi Giorgia Meloni entra nella storia italiana come prima donna premier della repubblica italiana.

Finora lo scettro è sempre stato in mano agli uomini, e nonostante le tante battaglie della sinistra, non ha mai portato a palazzo Chigi una donna. Giorgia Meloni, una donna, ha ricevuto dal capo dello stato l’incarico di formare il nuovo governo. La storia repubblicana si arricchisce di una svolta storica e dopo la fine della seconda guerra mondiale, a palazzo Chigi, entra una donna Premier.

Con questo risultato la sinistra è sconfitta due volte. Primo, perché ha perso le elezioni. Secondo, perché una donna guida il governo. Questa nuova storia politica della repubblica italiana traccia un nuovo percorso che, forse, vedrà in futuro più donne occupare i ruoli chiave all’interno della politica. Un passaggio nuovo che di sicuro farà cambiare atteggiamento al PD e la sinistra in Italia. Ora la Meloni ha il delicato compito di realizzare tutto ciò che ha promesso in campagna elettorale.

Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia, ha accettato l’incarico affidatole da Sergio Mattarella ed è il nuovo presidente del Consiglio. La lista dei ministri portata al presidente della Repubblica è stata accettata.

Ecco la rosa dei ministri

Raffaele Fitto ministro agli Affari Esteri

Maria Elisabetta Alberti Casellati ministro per le Riforme

Gennaro Sangiuliano ministro della Cultura

Nello Musumeci ministro per il mare e il Sud

Carlo Nordio ministro della Giustizia

Alessandra Locatelli ministro per le Disabilità

Adolfo Urso ministro dello Sviluppo Economico

Giancarlo Giorgetti ministro dell’Economia

Andrea Abodi ministro per lo Soprt e Giovani

Gilberto Pichetto Fratin: ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica

Paolo Zangrillo ministro della Pubblica amministrazione