Dom. Feb 5th, 2023

Cinque giorni di festa. Tredici carri e più di mille bottari. L’edizione 2023 di “Carri Ritmi e Pastellessa” è alle porte.

Una città in festa, un’atmosfera suggestiva e carica di entusiasmo accompagnano l’avvio della tradizionale manifestazione che, ogni anno, attira a Portico di Caserta migliaia di appassionati e visitatori da ogni parte d’Italia.

Una straordinaria amalgama di folklore, tradizioni e spiritualità: la festa dedicata a Sant’Antonio Abate, detto anche Sant’Antuono vede alternarsi nelle giornate ad essa dedicate momenti religiosi come la liturgia e la processione del Santo alla componente folkloristica che trova la sua massima espressione nella sfilata dei cosiddetti carri di Sant’Antuono, palcoscenici itineranti per i bottari, abili suonatori di strumenti inusuali come botti, tini e falci, gli antichi strumenti un tempo utilizzati dai contadini del luogo. Percussioni e ritmi, come la tradizionale “pastellessa” o la “tarantella” ripropongono uno spettacolo antico quanto la storia stessa di queste terre, che il tempo non scalfisce, alimentando al contrario la passione con la quale di anno in anno si tramanda questa tradizione.

Il primo appuntamento sarà per il 21 gennaio alle 17.30 in aula consiliare per  la conferenza di presentazione del programma di questa edizione a cui prenderanno parte i rappresentanti dell’associazione organizzatrice dell’evento “Tradizion Cant e Suon a Sant’Antuono” presieduta da Gianfranco Stellato insieme all’amministrazione comunale guidata da Giuseppe Oliviero.

Alla conferenza prenderà parte il Presidente del Consiglio Regionale della Campania Gennaro Oliviero e Giuseppina Presutto, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “San Giovanni Bosco” di Portico.

Ritorna in questa occasione anche il comico e presentatore Lino D’Angiò.

Durante la conferenza sarà, inoltre, presentata un’interessante iniziativa creata grazie alla collaborazione con Poste Italiane.

Una festa che diventa scoperta della tradizione attraverso gli eventi e le attività previste dal ricco cartellone che prenderà inizio da domenica 22 gennaio con l’attesa estrazione dei numeri che, assegnati, ad ogni carro, ne determinerà l’ordine di uscita ed esibizione. Un assaggio dei ritmi e delle sonorità tipiche di questa festa sarà dato nel corso della stessa serata, quando ogni battuglia si esibirà affiancata dai musicisti del gruppo “La Nuova Cantica”. 

A caratterizzare l’edizione 2023 di Carri, Ritmi e Pastellessa”, promossa dall’l’Associazione “Tradizion Cant e Suon a Sant’Antuono”  e patrocinata dal Comune di Portico oltre alle attività tradizionali, come la sfilata dei carri, lo spettacolo pirotecnico e la liturgia legata al Santo, saranno una serie di attività laboratoriali e di spettacoli di musica popolare pensati per inserire la tradizione all’interno di un corollario di attività che ne consenta la piena valorizzazione socio-culturale mantenendo fede allo spirito originario della festa.

Continua anche per quest’anno il sodalizio tra l’ente comunale e l’associazione “Tradizion Cant e Suon a Sant’Antuono” presieduta da Gianfranco Stellato che coadiuverà l’organizzazione dell’intera manifestazione.

L’impegno congiunto, il lavoro delle persone che si prodigano per la buona riuscita di questa festa e il la passione incessante delle migliaia di carristi che animano la festa sono gli ingredienti necessari affinché questo straordinario patrimonio identitario resti orgoglio di un’intera comunità e ne assicuri la crescita – spiegano gli organizzatori.

Anche questa edizione vedrà impegnati gli organizzatori nell’importante lavoro di accoglienza delle centinaia di camperisti che ogni anno  fanno tappa nel comune per assistere alla manifestazione e a cui saranno dedicate apposite aree di sosta ed attività. Per loro un itinerario creato ad hoc grazie alla collaborazione dei giovani studenti dell’Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco.

Tutte le info sul programma e gli eventi sono disponibili sui canali sociali Facebook, Instagram e Tik Tok alla pagina Carri Ritmi e Pastellessa.