Ven. Ago 12th, 2022

La vicenda risale al 2009, quando 4 carabinieri ripresero l’ex governatore della regione Lazio, Piero Marrazzo, in compagnia di un trans. Oggi è arrivata la sentenza di condanna per i 4 carabinieri coinvolti nella vicenda. Sono stati condannati a dieci anni di reclusione Nicola Testini e Carlo Tagliente. Mentre sono stati condannati a sei anni e sei mesi Luciano Simeone, e Antonio Tamburrino a tre anni. A tutti è stata inflitta una multa da 50mila euro a testa. Sono stati assolti dall’accusa di associazione per delinquere ‘perche’ il fatto non sussiste ma ritenuti colpevoli di concorso in concussione ai danni di Marrazzo, per averlo costretto a consegnare loro tre assegni per un importo complessivo di 20mila euro, e di quello in rapina per essersi impossessati di 5mila euro, in parte dell’allora esponente politico e in parte del viado Natali. Al solo Tamburrino è stato attribuito il reato di ricettazione di un video, girato con un telefonino il giorno del blitz in via Gradoli da Tagliente e Simeone. Tutti e quattro gli imputati dovranno infine risarcire i danni (sempre da calcolare in separato giudizio) al ministero dell’Interno (stavolta come parte civile) e a quello della Difesa. Prescritte invece le accuse per il trans Natali.