Mar. Mag 24th, 2022

Ancora una volta l’Europa, per via di un patto scellerato tra stati, mette i veti sulla nostra economia. Ma che ne sa questa Europa dei nostri problemi? Che ne sa che nel paese Italia il lavoro non c’è? Che ne sa che al sud la metà dei cittadini è senza lavoro? Che ne sa che nel meridione non esiste niente? Questa Europa non sa nulla di quello che succede nel nostro paese, ogni suo intervento è solo una verifica fatta su carta, ma della realtà non conosce nulla. sono i soliti politicanti di bottega che tengono in ostaggio un paese libero e sovrano.

Ieri Jean-Claude Juncker ha dato l’addio ai vertici dell’Unione europea. Il presidente uscente della Commissione lascia il trono di Bruxelles. E in attesa che i governi degli Stati membri diano il via libera alla nuova commissione a guida Von der Leyen, Juncker saluta tutti. L’Europa sta rovinata peggio di prima, ed è lo strumento politico che sta distruggendo l’Italia.

Ma a noi cosa importa di questa Europa? Niente. Da quando siamo entrati nella moneta unica e in quel contesto politico amicone delle banche e dei gruppi finanziari, per il nostro paese c’è stata una morte graduale, che lentamente ha distrutto tutto il tessuto produttivo e sociale del paese. Il danno maggiore è arrivato dalle politiche interne dell’Italia, dove governi senza scrupoli hanno ascoltato solo i voleri dell’Europa e non il grido di dolore del popolo italiano. L’Europa ci sta facendo troppo male, possibile che nessuno si renda conto del danno che ci sta facendo? E ora che ci sia avvia al cambio di guardia all’interno del camerone di Bruxelles, per il nostro paese c’è ancora una volta da correggere qualcosa perché non piace all’Europa, a coloro che non ci conoscono, ma vogliono imporci i loro ordini. Noi di questa Europa non sappiamo che farcene.