Ven. Mag 20th, 2022

È successo nella giornata di ieri, domenica, quando un uomo anziano si è recato nel parco, un luogo frequentato, a Casal Boccone nella zona Roma nord, si è seduto su una panchina e si è sparato alla tempia. Dalle informazioni raccolte sembra che l’uomo aveva il terrore di finire i suoi giorni in uno ospizio. Poco prima qualcuno aveva visto l’uomo aggirarsi in zona e percorrere la strada nelle vicinanze di un parco giochi, ed è proprio qui che, sedutosi su una panchina ed a breve distanza delle altalene, come riportato da “Il Messaggero”, ha estratto la pistola e premuto il grilletto. I familiari della vittima, che hanno raccontato agli inquirenti del delicato periodo di crisi che il loro congiunto stava attraversando da un po’ di tempo a questa parte, sono rimasti chiocciati quando hanno appreso la notizia del suicidio del loro congiunto. Lo stesso figlio dell’uomo aveva tra l’altro denunciato proprio durante la mattinata la scomparsa del padre, prima di ricevere la tragica notizia del suo suicidio da parte degli inquirenti. Quando gli agenti del commissariato di Fidene sono giunti sul posto, a seguito delle segnalazioni ricevute, era ormai troppo tardi: la vittima, un uomo sulla sessantina, presentava una ampia ferita all’altezza della tempia destra e stringeva in mano un revolver. “Ho paura di finire in un ospizio”, queste le parole che l’uomo avrebbe scritto su un biglietto per motivare la sua scelta prima di compiere il gesto estremo.