Ven. Ago 19th, 2022

ROMA- È stato il tempestivo intervento di un residente della zona, che ha avvertito i carabinieri di quello che stava accadendo, ad evitare ad una donna somala conseguenze ben più gravi. Infatti la donna stava subendo una violenza sessuale nonostante il suo stato di gravidanza giunto al settimo mese.

Sul posto si è recata una pattuglia di carabinieri, che hanno sentito le grida di aiuto della donna ed  hanno trovato i due uomini, due cittadini romeni con precedenti, riversi sopra la donna intendi a consumare un rapporto sessuale.

I militari hanno invitati i due uomini a rivestirsi e li hanno condotti in caserma. Ora dovranno rispondere di violenza sessuale in concorso. Secondo la versione della donna i due uomini, conosciuti nel pomeriggio dopo averla convinta a bere e a seguirli, la stavano costringendo ad avere dei rapporti sessuali.

La donna, tramite un’ambulanza del 118, è stata condotta presso il pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni per un controllo sul feto che per fortuna non avrebbe subito danni. Il tutto si è consumato all’interno di un istituto scolastico nella zona dell’Esquilino.