Lun. Ago 15th, 2022

ROMA- Nella capitale è quasi un’emorragia tangenti, infatti dopo mafia capitale, continua incessante il contrasto alla illegalità da parte delle forze dell’ordine. Ed ecco un altro caso di mazzette in cambio di appalti pubblici. In questo giro, scoperto dalla guardia di finanza, C’erano politici, dirigenti pubblici e imprenditori, che per ottenere commesse da ministeri ed enti statali si elargissero mazzette, in un giro che univa politici, funzionari e imprenditori per spartirsi gli appalti. Un giro che univa politici, funzionari e imprenditori per spartirsi gli appalti. Decine gli arresti scattati questa mattina, con centinaia di perquisizioni in diverse città italiane, ma principalmente a Roma. Grazie al pagamento di tangenti, gli imprenditori si garantivano la realizzazione di opere pubbliche e forniture con materiali di qualità inferiore a quelli normalmente utilizzati.