Gio. Ott 6th, 2022

ROMA-“Sui mezzi pubblici e nelle stazioni della metropolitana di Roma si continuano a registrare aggressioni ai danni di autisti e altri lavoratori con mansioni operative. Aldilà degli annunci mirabolanti, vorremmo capire cosa sta facendo concretamente l’Assessore alla Città in Movimento Linda Meleo per garantire la sicurezza del personale ATAC. Lo scorso novembre, su proposta del gruppo consiliare PD, l’assemblea capitolina ha approvato una mozione con la quale si chiedeva di attribuire la qualifica di ‘Agenti di Polizia Amministrativa’ agli operatori del trasporto pubblico locale. Inoltre, si proponeva l’installazione di una rete di video-sorveglianza presso i capolinea degli autobus e l’avvio di un protocollo generale con la Prefettura. Lo scopo era proprio quello di individuare dei deterrenti efficaci per scongiurare ulteriori episodi di violenza che, per inciso, mettono a rischio anche gli utenti. Non solo la Giunta capitolina non ha ancora dato corso a quelle richieste, ma anche ignorato l’interrogazione urgente presentata il 2 marzo per sollecitare provvedimenti immediati. Lo riteniamo un atteggiamento grave e sconsiderato, perché mette a repentaglio l’incolumità di quanti garantiscono quotidianamente la mobilità pubblica nella Capitale. La triste realtà è che questa amministrazione non ha la minima idea di come gestire un settore così complesso e strategico: lo dimostrano anche le recenti esternazioni del presidente della Commissione Mobilità Enrico Stefàno, che quando era all’opposizione chiedeva maggiori investimenti per il trasporto locale e oggi è fautore della proposta ‘meno corse, ma regolari’.” Lo dichiarano in una nota la vice-presidente della Commissione Trasporti di Roma Capitale Ilaria Piccolo e il coordinatore del Forum Trasporti e Mobilità PD Roma Leonardo Di Matteo