Dom. Feb 5th, 2023

ROMA – Si vuole porre fine alla guerra in Siria, e non c’è altra strada che quella di una guerra lampo. Quello che si era detto nei giorni scorsi è successo, un attacco congiunto di GB, Francia e Usa, hanno colpito la capitale Damasco.

Con un messaggio alla nazione inviato alle 3:00 di notte (ora italiana) il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato l’inizio dei raid contro la Siria in risposta ai presunti attacchi con gas nervino contro la popolazione. Una pioggia di missili si è abbattuta contro Damasco e altri obiettivi sensibili. Blitz militare condotto assieme alla Gran Bretagna e alla Francia. Usati sia missili Tomahawk che jet militari.

Mosca per il momento non ha fatto nulla, ma ha già avvertito che reagirà. La Russia “è stata avvertita in anticipo degli attacchi militari congiunti di Usa, Regno Unito e Francia contro la Siria”. Lo afferma il ministro della Difesa francese, Florence Parly, aggiungendo che l’operazione in Siria è stata “legittima, limitata e proporzionata”.