Mar. Dic 6th, 2022

Gli italiani iniziano ad investire su coperte e abbigliamento pesante per andare incontro ad un inverno che si prevede difficilissimo. Il caro bollette ormai non ottiene il freno previsto, anzi, le prossime bollette aumenteranno del 60-70%, poiché il costo dell’energia avrà una variazione del +59%. Una situazione davvero difficile se si pensa che il periodo invernale è abbastanza lungo.

Il problema che anche l’alternativa alla corrente elettrica e il gas sta diventando critica per via della guerra in ucraina. guardando i prezzi si scopre che pellet e legna sono quasi triplicati. Ancora una volta è stata la legge della domanda a farla da padrone.

Come denuncia ItaliaOggi, “a Bergamo il costo del pellet supera i 12 euro per un pacco standard da 15 chilogrammi. Un anno fa andava dai 3 ai 5 euro. A Lucca, in Toscana, potevi trovare il carburante a biomassa a 4 euro. Oggi può arrivare anche a 14 euro. Dici: vabbè, niente pellet, tanto era acerbo. Passo alla stufa a legna. Così, oltre a risparmiare, faccio anche un po’ di attività fisica mentre la porto su per le scale. «Se cerca legna le dico subito che l’ho finita». Diversi rivenditori, quando rispondono al telefono, mettono le mani avanti. «L’anno scorso un bancale di legna da ardere, circa 7-8 quintali di faggio o quercia, costava tra i 200 e i 220 euro», ha spiegato Adele Cangini, responsabile Adiconsum Emilia centrale, l’associazione consumatori della Cisl. «Prima di Ferragosto lo stesso bancale veniva offerto a 280-300 euro. Ora il prezzo è arrivato a 350 euro».

Insomma, quest’anno per riscaldarsi sarà veramente difficile. Non ci sono alternative per risparmiare e garantirsi un calore minimo. Niente, forse come scritto all’inizio sarà meglio comprare coperte e maglioni, sperando che al speculazioni non porti alle stelle anche questi.