Mar. Ott 4th, 2022

L’italia dopo la fine della guerra mondiale, è riuscita ad uscire con la testa fuori dalle macerie grazie ad una classe politica che ha guardato solo a risollevare un paese ormai morto con la guerra. Oggi siamo finiti di nuovo sotto le macerie, ma questa volta sono macerie non prodotte dalle bombe, bensi da un gruppo di partiti che hanno leso la dignità di un’intera nazione.

Partiti creati in un pomeriggio, alleanze costruite senza un adeguato confronto. Tutto ciò è un mondo di macerie, che certamente potrà dar vita a qualche esperimento elettorale, ma che inevitabilmente finirà col dissolversi nelle nebbie di un mondo politico senza anima.

Una politica priva del buon senso. Non guarda gli interessi dei cittadini ma solamente all’interesse del partitodi. Un popolo Sepolto vivo dentro un cumulo di macerie politiche che producono nefandezze che colpiscono al cuore la dignità del cittadini.
I politici non meritano rispetto. Non l’hanno saputo conquistare. Non hanno fatto nulla per meritare riguardo per le cose fatte. Non hanno fatto nulla. Sono una fabbrica che continua a produrre solo menzogne.
Siamo ad un passo dal baratro, grazie anche ad una Europa che ci spinge nel burrone. C’è da salvare la nazione Italia, ma si continua a pervorrere sentieri che conducono tutti allo stesso posto: al fosso profondo. Eppure ogni giorno nascono nuovi partiti o movimenti che, senza vergogna, producono le stesse inconcludenti menzogne di sempre. Ognuno forma un partitino per crearsi un orticello in piena autonomia, per poter comandare e fare asso pigliatutto. Degli italiani interessa poco. È sempre la stessa propaganda che ha prodotto e continua a produrre macerie.