Mar. Nov 29th, 2022

L’agenzia delle entrare con le sue sortite ci fa immaginare 19 milioni di persone incivili, carichi di Ferrari e dediti a serate a suon di champagne e caviale. Ma non è così, sono in larga parte piccole e medie imprese o partite iva. Gente che a fatica riesce a sbarcare il lunario senza la garanzia del posto fisso. E che magari si trova costretta a contrarre un debito col Fisco perché se versasse ogni singolo euro di tasse finirebbe col chiudere l’azienda. Così ogni mattina spera che vada meglio e poter poi ripianare i debiti col fisco, gli unici che ha, per il resto con enorme fatica cerca di portare avanti l’azienda.

Forse lo stato e suoi delegati del fisco dovrebbero guardare a monte del problema. Infatti il nostro cuneo fiscale è 10 punti sopra la media europea, le aliquote Irpef sono elevate. A ciò va aggiunto Iva, Imu, Ires, Irap, Tari, Canone Rai, imposte di registro e bolli vari, e in ultimo questo poveraccio deve pur mangiare per vivere. lo stato la deve smettere di chiedere più di quello che uno guadagna. La deve smettere di dissanguare chi cerca di costruirsi un lavoro visto che lo stato non è in grado di farlo. È meglio che si concentri come abbassarle le tasse invece di aumentarle, mettendo le persone in condizione di poterle pagare.