Sab. Dic 3rd, 2022

ROMA- Il popolo italiano paga sempre più tasse, questo grazie ai tanti governi calati dall’alto e che fanno i voleri dell’Europa. Intanto gli italiani devono sborsare sempre più tasse per accontentare le esigenze dello stato che, però, non dice mai dove vanno a finire i nostri quattrini.

È il caso dell’Imu, che proprio in questi giorni si paga la prima rata e la successiva a dicembre, tanti soldi che i poveretti italiani, solo perché si sono costruiti o comprato una casa, devo pagare un affitto a vita ai politici italiani che formano il governo. Secondo il calcolo della Uil, gli  italiani sborseranno dai 10,1 miliardi di euro per l’acconto20,2 miliardi in totale.

Nel frattempo, nonostante questa montagna di soldi, gli italiani sono privi dei servizi essenziali o sono carenti. Ad esempio la sanità: ormai quasi 18 milioni di italiani hanno rinunciato a curarsi perché non hanno possibilità di farlo, e ci credo, si prende tutto lo stato. Come se non bastasse la sanità italiana è un colabrodo e l’assistenza ai cittadini è inefficiente o carente, ma non per colpa di chi ci lavora, ma la colpa è di chi ci amministra che ha tagliato sempre più fondi alla sanità pubblica.

Insomma, paghiamo i soldi allo stato, ma alla fine non otteniamo nulla in cambio in termini di servizi come prevede la costituzione italiana.