Gio. Ago 11th, 2022

Questo è un paese arrivato alla frutta secca. Si continua ad evitare il problema, che vede al centro di tutti i mali l’enorme pressione fiscale e l’asfissiante burocrazia che, ormai, sta mettendo a tappeto la vita dei cittadini. Non c’è governo che riesca a mettere mano a quelle che sono le vere micce già pronte per esplodere.

Chi guadagna cento euro deve sapere che sessantaquattro vanno per diritto allo stato. C’è poco da reagire, se non paghi sei attaccato come il peggiore dei criminali. Ormai le leggi si accavallano ogni volta che nasce un nuovo governo. Non ci sono strumenti di difesa per i cittadini, poiché anche la magistratura fa acqua da tutte le parti.

L’unico dato che sviluppa certezza, è la tassazione che oggi è al 64%, se si sommano altri cavilli delle realtà locali, si può arrivare anche al settanta per cento, segno che resta ben poco per imprese e cittadini. L’unico che guadagna bene è lo stato.