Ven. Lug 1st, 2022

ROMA- Due governi, quello di Renzi e Monti, che hanno portato il paese allo sfascio. Due premier che hanno cercato di iniettare ottimismo quando esso non c’è. Renzi esce ogni giorno e va dicendo che l’Italia è fuori dal tunnel come faceva Monti. In effetti non è niente vero. Poiché esulta per uno zero virgola che dà poco al paese, o nulla. Sono solo numeri che non rispecchiano per niente la realtà dei fatti. Si continua a fare demagogia ad alto livello, poiché se si gira ci si accorge come le cose stanno in modo diverso.

Le riforme adottate hanno inciso pochissimo sulle esigenze di un popolo ormai allo stremo fiscale. Riforme che stanno aggravando la stabilità democratica della nostra repubblica. La nuova legge elettorale e la riforma costituzionale, fatta da un solo partito, sono la riprova del grave rischio che sta correndo la nazione.

Non appena approvata la riforma ci vuole subito un referendum per abolirla. Non ci sono altri mezzi per bloccare la deriva autoritaria che si sta portando avanti nel parlamento italiano. Ogni giorno vengono partorite riforme che impongono e violano la democrazia italiana. Il cittadino è vessato da un sistema che non dà scampo, obbliga i cittadini a dar conto di tutto. È una situazione insostenibile, che una volta approvata la legge sul senato, darà la botta finale a quella che una volta era la repubblica democratica italiana.