Ven. Feb 3rd, 2023

ROMA- Resto sempre del parere che bisogna uscire dall’Europa, perché è inutile e non serve a nulla. È solo un manipolo di burocrati inutili che vogliono tenere i conti in ordine per favorire le banche. Ma dei cittadini europei se ne fregano. La dimostrazione arriva direttamente a casa nostra, dove afflitti da una tragedia enorme come il terremoto, l’Europa si permette di dirci cosa dobbiamo fare e cosa non dobbiamo fare.

Quello che stiamo vivendo è uno dei momenti più drammatici dal 1980, quando la terra tremò in Irpinia e portò via migliaia di vite umane. Certo, allora avevamo un grande Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, uomo di tutto un pezzo, che fu il primo ad alzare la voce contro le istituzioni italiane invitandole a fare presto dopo che personalmente, a poche ore dal sisma, si recò nelle zone colpite.

I soldi che noi mandiamo in Europa ora ci servono. Dobbiamo fregarcene di questa Europa, non possiamo continuare a tenere le persone in condizioni disagiate per favorire un qualcosa che non ci interessa. Questa Europa a noi non ci interessa. È ora di dirlo a chiare lettere. Questa Europa va chiusa, sta solamente affamando e mettendo in difficoltà intere nazioni. È ora di dire basta a chi vuole comandare in casa nostra, noi da soli siamo più capaci di loro.

Questo terremoto ci sta mettendo in ginocchio. Non si ferma, ormai è dal mese di agosto che continua a fare danni. Quindi quello che dice l’Europa a non deve interessare. Qui oltre ad avere enormi di difficoltà di diverso genere, si aggiunge anche quella del sisma. L’Europa dice che i soldi vanno spesi per questo e per quello, bene, noi li spendiamo come ci pare e piace per ridare dignità e speranza alle persone. Se all’Europa non piace, faccia quello che vuole, perchè senza Europa si vive meglio.