Mar. Ago 9th, 2022

ROMA- Loro sono devoti alla morte, quindi non hanno paura di morire e poco importa se muoiono centinaia e centinaia di persone. Solo questo pensiero dovrebbe far tremare la politica di mezzo mondo contro un terrore che vuole solo morte.  Secondo il quotidiano belga La Derniere Heure i terroristi si preparavano ad un attacco molto più forte rispetto a quelli che hanno portato a compimento all’aeroporto e in metro. Secondo la ricostruzione della testata belga, i fratelli Ibrahim e Khalid El Bakraoui avrebbero recuperato una telecamera che era stata nascosta davanti alla casa del direttore del programma di ricerca e sviluppo nucleare. La registrazione sarebbe stata sequestrata a dicembre scorso a casa di uno dei sospetti degli attacchi del 13 novembre, Mohamed Bakkali, dove si vedevano i movimenti del capo del nucleare. La scoperta avrebbe spinto, il 17 febbraio scorso, al dispiegamento di 140 militari intorno alle centrali nucleari per garantirne la sicurezza.