Lun. Ago 15th, 2022

ROMA –Da quando sono usciti di scena gli amici dell’Europa che fino al 4 marzo avevano governato l’Italia, siamo entrati in guerra. Non è una guerra combattuta con le armi o nelle trincee, ma siamo in guerra contro un sistema oscuro che pilota le decisioni politiche dei governi dei paesi europei.

Con gli atteggiamenti ipocriti il bunker di Bruxelles dimostra che ha grande paura dell’Italia, perché temono che l’Italia possa essere quel vortice coinvolgente per tutti gli altri paesi europei, e nel mese di maggio possono cacciare via dall’Europa socialisti e sinistra. Quindi si scagliano contro il nostro governo per non fargli attuare riforme che, se vanno bene, demoliscono le pretese di un’Europa morta.

L’Italia è un grande paese nonostante il momento triste che sta attraversando. È un paese con la sua sovranità popolare. Purtroppo dalla venuta dell’euro il paese Italia ha perso molto della sua sostanza. È sempre stata sotto minaccia di Bruxelles, agenzie di rating, del fondo monetario internazionale, tutti organismi che nulla centrano con la nostra nazione e nulla sanno del nostro paese, ma scatenano battaglie contro chi governa l’Italia e non sta dalla loro parte.

Oggi questi organismi hanno trovato un osso duro che gli farà vedere i sorci neri. Il nuovo governo sta andando avanti senza timore, cosciente che ha dalla sua parte il popolo italiano, che resta sovrano e libero. Qualsiasi cosa succederà sarà il popolo a difendere chi sta attuando riforme per loro. Non si può indietreggiare, altrimenti il bunker di Bruxelles prende il sopravvento.