Gio. Feb 2nd, 2023

ROMA- Aveva semplicemente ed educatamente a due giovani di non fumare nel convoglio della metro B di Roma, invece è stato massacrato di botte davanti a tutti e nel totale menefreghismo di tutti. “nessuno ci ha aiutato” ha detto la mamma che ha cercato invano di aiutare il figlio e a sua volta è stata picchiata dai giovani fumatori. I due malviventi sono stati arrestati anche grazie al riconoscimento effettuato dalla madre del giovane. Si tratta del 26enne Luigi Riccitiello, di Caserta, e del 24enne Antonio Senneca, di Aversa. I due si sono scagliati sul giovane dopo essere stati ammoniti di smetterla di fumare all’interno del vagone. Il 31enne romano è stato colpito al volto ed ha subito perso i sensi, il tutto davanti agli occhi della madre. Quello che più fa male, è l’indifferenza delle persone presenti nel convoglio, che non hanno fatto nulla per aiutare madre e figlio.