Mar. Ago 9th, 2022

In una lettera inviata ai sindacati, Unicredit ha previsto 6000 esuberi e la chiusura di 450 filiali tra il 2019 e il 2023 in Italia, nell’ambito dell’apertura della procedura. In particolare 500 sono “eccedenze di capacità produttiva” del piano appena chiuso Transform 2019 mentre 5.500 riguardano “nuove eccedenze” legate al piano Team23.

È intenzione di Unicredit, si legge nella lettera ai sindacati, cercare “soluzioni condivise” e in questo ambito si guarda a quelli che maturano “il requisito pensionistico entro il 31 dicembre 2023 (con diritto alla pensione fino all’1 gennaio 2024 compreso)”. Per le altre uscite si “intende poi valutare in via prioritaria l’attuazione dello strumento del fondo di solidarietà di settore”. In relazione a questa soluzione la banca “ritiene sostenibile far riferimento all’uscita di personale più prossimo al diritto di pensione, con un anticipo medio rispetto al primo requisito pensionistico di 36 mesi, adottando finestre di uscita che garantiscano certezza di realizzazione degli obiettivi di riduzione”.