Mar. Ago 9th, 2022

CASERTA-Nelle prime ore della mattinata odierna i Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere, nelle province di Caserta, Roma, Firenze Arezzo, Brindisi e Catania, stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di numerosi  indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, rapina, estorsione e lesioni, tutti reati maturati all’interno della comunità africana di Castel Volturno (CE).

L’indagine ha consentito, tra l’altro, di acclarare l’esistenza di un vero e proprio sodalizio criminale composto da cittadini extracomunitari, denominato “gruppo dell’Eye”, dedito, in particolare, al traffico degli stupefacenti.

Nel provvedimento cautelare sono riportate le parti più significative delle dichiarazioni rese dai due soggetti che hanno collaborato con la giustizia in merito all’esistenza ed operatività sul territorio di Castel Volturno di un gruppo criminale organizzato, denominato “gruppo degli Eye”, caratterizzato da rituali di affiliazioni e codici di comportamento, dedito al traffico di stupefacenti ed allo sfruttamento della prostituzione. Peraltro viene descritto il rituale di affiliazione, consistito nel pronunciare, alla presenza di altri associati, una formula rituale di giuramento davanti un bicchiere contenente sangue d’agnello e due foto, una del dichiarante e una di un’aquila, simbolo del gruppo; le due foto venivano bruciate nel corso del rito di affiliazione, mentre il sangue di agnello bevuto dal nuovo affiliato.

Come riportato dal gip, le indagini hanno permesso di appurare che una giovane donna di origini africana, all’indomani dell’apertura di un esercizio commerciale, era stata vittima di una imposizione estorsiva da parte di altri cittadini stranieri; il cittadino africano che aveva denunciato i suoi connazionali era stato vittima di vere e proprie spedizioni punitive, venendo in più occasione ferito addirittura con armi da taglio; vi era un nutrito gruppo di cittadini africani, che coinvolti negli illeciti, i quali gestivano un traffico di sostanze stupefacenti,importate dall’estero mediante i corrieri ovulatori e successivamente rivenduto sul territorio nazionale.