Dom. Ago 7th, 2022

CASERTA-“Il Comune provveda ad horas a riattivare le tabelle luminose poste su Corso Trieste e in altre strade del centro cittadino ricadenti nella ZTL che segnalano se il varco è attivo o non attivo.

Il loro spegnimento sta inducendo in errore tantissimi automobilisti vittime di verbali e multe”.

A chiederlo è Riccardo Ventre all’indomani delle molteplici segnalazioni di malfunzionamento dei congegni elettronici posti in entrata alla zona a traffico limitato, pervenute dal presidente dell’associazione Kest’è Ciro Guerriero e da numerosi casertani.

“Da giorni sono in aumento i casi di conducenti d’auto che, percorrendo il primo tratto di Corso Trieste, giungono all’altezza dell’incrocio con via Colombo e trovano spento il display che fino ad oggi ha sempre segnalato se il varco fosse attivo o meno.

Analoga situazione si sta verificando in altri punti di ingresso della Ztl, per cui gli ignari automobilisti pensano che il divieto di accesso al centro cittadino sia sospeso e/o non vigente e circolano liberamente, salvo poi subire la multa atteso che le telecamere di rilevazione e l’intero sistema funziona regolarmente.

Solo le tabelle luminose sono stranamente e senza alcun valido motivo spente, nessuna comunicazione o cartello sostitutivo viene apposto così da trarre in inganno i già tartassati cittadini casertani ed i sempre meno turisti che così portano a casa un ricordo poco edificante della nostra città”, continua il leader del raggruppamento civico e di centrodestra che poi fa notare:

“Anche se fosse sufficiente giuridicamente la sola presenza di segnali verticali riportanti i giorni e gli orari di attivazione della ZTL vicino i display ed il più delle volte scarsamente visibili, va detto che è dovere civico e politico agevolare i cittadini perché le tabelle luminose rappresentano un unicum che racchiudono con la scritta ‘varco attivo’ o ‘varco non attivo’ tutte le indicazioni utili agli automobilisti, ed anche perché nell’immediatezza della manovra di accesso o meno all’area di restrizione al traffico, certamente il conducente dell’auto non ha il tempo di leggere le scritte in piccolo riportate sui segnali.

Del resto, il comandante della Polizia Municipale, essendo un tecnico, non può che richiamare la legge in materia.

Chiediamo, quindi, alla nuova Amministrazione comunale e al neo sindaco democraticamente eletto di intervenire subito per eliminare ogni forma di inganno ai danni dei cittadini, sospendendo con immediatezza la zona a traffico limitato fino a quando non saranno stati riattivati completamente i segnali luminosi”, conclude Ventre.