Mar. Lug 5th, 2022

CASERTA- L’edilizia, il settore tessile e calzaturiero sono le  principali attività operanti sul territorio casertano. Ed è in tale contesto che i Carabinieri del NIL di Caserta stanno producendo il massimo sforzo al contrasto dell’illecito impiego di manodopera e – al tempo stesso – garantire la corretta applicazioni della normativa di sicurezza sui luoghi di lavoro.

La scorsa settimana, in due distinte operazioni i militari, coadiuvati da personale delle Stazioni competenti per territorio  hanno deferito a piede libero all’Autorità Giudiziaria due datori di lavoro e trovati intenti al lavoro completamente in “nero” ben 30 dipendenti su 37 controllati.

La prima attività a S. Cipriano d’Aversa (CE), dove su un cantiere edile su 16  operai  12 non erano assunti.

Il datore di lavoro, oltre alle sanzioni amministrative ammontanti a 25.000,00 euro è stato denunciato per l’inosservanza all’applicazione delle seguenti misure di sicurezza:

ü  Omessi adempimenti sanitari nei confronti dei dipendenti occupati;

ü  mancata consegna dei dispositivi di protezione individuale;

ü  mancata formazione e informazione ai lavoratori in relazione all’attività da svolgere e  ai rischi connessi.

L’altra operazione a Gricignano d’Aversa (CE) e  S. Arpino (CE), dove in due laboratori tessili sono stati sorpresi 18 lavoratori, anche loro “in nero”.

Anche in questo caso – come nel precedente – i datori di lavoro oltre alle sanzioni amministrative  risponderanno all’A.G. del loro operato.