Lun. Ott 3rd, 2022

CASERTA-Dopo mesi in cui l’azione politica del partito è stata orientata prevalentemente agli importanti appuntamenti elettorali, regionali ed amministrativi, passando per le elezioni provinciali, ritengo fondamentale programmare in questa pausa estiva un forte rilancio dell’iniziativa politica in provincia di Caserta, per la fase autunnale ed invernale.

Rilancio che non può che partire da una ristrutturazione del partito a livello provinciale.

Ritengo ineludibile la costituzione di una nuova segreteria provinciale, tema, tra l’altro, sottolineato negli scorsi mesi da tutte le sensibilità presenti nel partito.  Una segreteria aperta a tutti per dare un segnale e invertire la rotta rispetto al passato. Una segreteria che superi definitivamente la logica correntizia puntando sulla rappresentatività territoriale.

Non consentirò più la lacerazione del partito, rispetto a eventuali alleanze spurie con metodi e forze politiche che non condividono e non si rivedono nei valori etici e morali che ispirano il popolo democratico. Apriremo a tutte quelle forze di centro-sinistra e civiche che vogliono intraprendere con noi un percorso virtuoso di governo dei vari processi del nostro territorio.

La nuova segreteria sarà esclusivamente incentrata sull’approfondimento e risoluzione delle grandi questioni che attanagliano la vita della provincia.

E questo è il nostro momento. Governiamo su tutti i livelli, il nostro popolo attende risposte.

La missione mia e della mia squadra, che sarà composta come da statuto, sarà quella di accompagnare i livelli istituzionali con l’azione di proposta del partito provinciale.

Questione ambientale, fondi europei, aree industriali, beni culturali, sviluppo.

Voglio dirlo molto chiaramente: io farò la mia parte, e chi oggi pensa di continuare ad alimentare polemiche tutte schiacciate su vicende interne, è evidente che si pone fuori dalla storia, e se ne assumerà la responsabilità. Oggi il Pd è alla sfida del governo. Personalmente sono pronto a raccoglierla, allargando in maniera orizzontatale a tutte le grandi energie e potenzialità presenti sui territori.

Temi non manovra è la sintesi del mio rinnovato impegno.

Anticipo che nella prima decade di settembre convocherò la direzione provinciale che sarà il luogo di discussione dove, insieme alla nuova segreteria, presenterò le sfide programmatiche e sui temi che ci attendono.

È mia intenzione declinare, inoltre, il rilancio dell’azione in un grande appuntamento di confronto e dibattito che sarà la festa dell’unità della provincia di Caserta, da tenersi in ottobre. Sarà anche il momento per definire una piattaforma politico-programmatica per le prossime elezioni amministrative, ad iniziare dalla città capoluogo, per arrivare a tutte le altre grandi città che vanno al voto, coinvolgendo in tale discussione anche i big nazionali del partito, oltre chiaramente la giunta regionale.