Lun. Gen 30th, 2023

NAPOLI- Se parliamo di razzismo, quelli veri e autentici, sono coloro che hanno impedito il comizio di Matteo Salvini. Quello che è successo a Napoli è gravissimo, si è impedito a un leader politico, che aveva affittato la sala all’interno della mostra d’oltremare, di parlare. Centri sociali e associazioni varie, hanno vinto sulla democrazia. Tutto questo è assurdo e intollerabile. A mio avviso, e lo dico da casertano, Salvini ha già vinto, perché ha dimostrato che gruppetti di persone possono impedire a chiunque di parlare perché la pensano diversamente dall’interlocutore.

Una caduta di stile delle istituzioni della città di Napoli. C’è poco da dire: Salvini fa la sua politica, può piacere o no, va lasciato parlare, poi ognuno dice la sua in separata seda, ma senza impedire a qualcuno di parlare e, impedire agli altri, di ascoltare. È vergognoso quello che è successo. Napoli non merita questa ennesima etichetta, è una città che sta migliorando, e migliorare significa pure libertà di pensiero e di opinione. Mi dispiace dirlo, ma Napoli ha perso, ha vinto Salvini: “Lo Stato a Napoli non esiste,comandano violenti e centri sociali. Lo Stato non è in grado di garantire democrazia, sicurezza e libertà d’espressione”, queste parole di Salvini non offendo la città di Napoli, ma l’inesistente democrazia che è venuta a mancare con questa decisione.