Lun. Ott 3rd, 2022

NAPOLI- Il Presidente della Commissione Antimafia On. Bindi sostiene che la camorra è costitutiva della città di Napoli. Italiano poco felice, ma dal contenuto che appare univoco: Napoli nasce con la camorra. Un connubio genetico, quasi fetale – così il sindaco di Napoli alle brutte parole di Bindi – Trovo offensiva, aberrante e falsa tale affermazione. La storia di Napoli e’ rappresentata dalla sua gente, dalla cultura, dal paesaggio, dal patrimonio artistico, dalle tradizioni popolari, culinarie, artigianali. Millenni di storia non possono sopportare un tale insulto. La camorra e’ un fatto umano – spiega De Magistris – che da decenni infesta le nostre terre. Se non è stata ancora sconfitta è anche perché per troppo tempo pezzi di politica, di istituzioni, di imprenditori e di professionisti hanno prima colluso e poi sono divenuti organici ad essa. Oggi la camorra esiste ancora, ma la lotta contro di essa e’ sempre più dura ed è radicata in quella parte delle istituzioni onesta e nella stragrande maggioranza dei napoletani e dei campani. È in atto una ribellione civile, sociale e culturale che condurrà alla fine della camorra. I napoletani onesti libereranno Napoli dalla camorra, dalla corruzione, dagli affaristi, dalla politica e dalle istituzioni deviate, ed anche da pregiudizi e narrazioni superficiali sullo nostra terra, sulla nostra storia. Noi non neghiamo i nostri difetti e le nostre colpe, le sofferenze e i drammi, ma On. Bindi bisogna avere enorme rispetto per la storia profonda della nostra città, la prima in Europa che si ribellò con le quattro giornate del 1943 al nazifascismo con una rivolta di popolo, in testa donne e bambini. Non consentiremo a nessuno di accostare la storia di Napoli alla camorra ! !