Mer. Nov 30th, 2022

BOLOGNA- È ricoverata in gravi condizione all’ospedale maggiore di Bologna una donna di 45 anni che ha bevuto una bibita contenente al suo interno soda acustica. La donna è stata ricoverata in ospedale dove però i medici si sono resi conto che qualcosa non quadrava ed hanno avvertito i carabinieri.

Da qui sono scattate le indagini e il pubblico ministero ha autorizzato al fermo del compagno della donna, un 35 enne. L’uomo avrebbe ammesso di aver versato la sostanza nella bibita. Gli inquirenti stanno valutando se, con quella sostanza, avrebbe voluto tentare di farla abortire. E’ da verificare l’ipotesi che il feto, che comunque non ha avuto conseguenze, abbia delle malformazioni.

I medici dell’Ospedale Maggiore di Bologna stanno facendo di tutto per cercare di salvare sia la donna sia il bimbo che è in grembo (mancavano poche settimane al parto). Per capirci di più sono state sequestrate tutte le bottigliette di bibite acquistate dalla coppia nel supermercato vicino a casa per poterle analizzare. Gli inquirenti continuano ad indagare per capire il movente, nel caso in cui le altre bottigliette non presentino alterazione come quella ingerita dalla donna, che abbia spinto l’uomo ad avvelenare la donna.