Ven. Ago 19th, 2022

ROMA- Un altro modo per non fare niente e spendere i soldi dei contribuenti inutilmente. Infatti la ministra dell’istruzione Stefania Giannini, sta vagliando l’ipotesi di lasciare aperte le scuole anche durante il periodo estivo e la domenica. È questo il progetto che il ministro dell’Istruzione ha presentato ai colleghi del G7 in corso in Giappone. “Vogliamo lasciare aperti gli istituti medi e superiori durante l’estate e la domenica – spiega al “Messaggero” -, per i ragazzi che restano a casa e finiscono a passare le giornate per strada. Si potranno usare per fare sport, musica e laboratori. E ai docenti un piccolo compenso aggiuntivo. Si potranno usare per fare sport, musica e laboratori. E ai docenti un piccolo compenso aggiuntivo”. Quello prospettato dal ministro è un investimento da 10 milioni di euro per rendere le scuole un polo aggregativo 365 giorni all’anno e non solo un posto dove passare il tempo sui libri.

Secondo un punto di vista è solo una perdita di tempo e uno spreco di denaro pubblico. Per i giovani serve un modo per iniziare ad imparare di nuovo i mestieri. Valorizzare l’artigianato e dare la possibilità agli artigiani di imparare l’arte ai giovani, e non sicuramente metterli anche d’estate nelle suole tenendoli impegnati inutilmente. Sono le solite proposte del centrosinistra, che invece di raccogliere le vere esigenze che attanagliano i giovani, si fossilizzano su cose inutili e controproducenti.