Ven. Feb 3rd, 2023

NAPOLI- Una violenza mai vista contro una unità del 118 in servizio sulla postazione Ascalesi. L’ambulanza è stata chiamata in una palazzina in vico Duchesca, a Napoli, quando gli operatori sono arrivati c’era una donna di 60 anni in gravissime condizioni. Una volta dentro l’appartamento la dottoressa è stata da subito aggredita verbalmente da alcuni familiari che la esortavano a fare presto. Ma la situazione è degenerata quando dopo diverse operazioni di rianimazione i sanitari non hanno potuto fare altro che riscontrare la morte della donna. A questo punto, dopo mezz’ora chegli operatori hanno tentato ogni disperato tentativo di salvare la donna, che è iniziata l’aggressione nei confronti degli stessi operatori da parte dei familiari della 60enne deceduta. Un’aggressione brutale e di un vero e proprio ‘sequestro di persona’. Da parte di una diecina di persone sono iniziati calci, spintoni, pugni e schiaffi contro i tre operatori del 118. Un infermiere è stato trascinato sulla balconata e sporto dal secondo piano, a salvarlo le grida dei vicini che spaventati esortavano a smetterla ed hanno evitato la tragedia. Appresa la notizia del decesso, 3 sanitari sono stati portati in cucina e chiusi dentro la stanza e malmenati. Il tempestivo intervento di una volante della polizia ha evitato una vera e propria tragedia. Gli operatori la dottoressa, infermiere e autista sono stati portati in ospedale e posti alle cure del pronto soccorso, e questa mattina hanno denunciato l’accaduto in Questura.