Dom. Set 25th, 2022

La situazione sta degenerando, ma nessuno vuole capirlo. Non si può uscire di casa se non per comprovate esigenze. I contagi sono maggiormente generati dagli asintomatici, persone che non sanno di essere positivi e, quindi, circolano liberamente e possono contagiare altre persone. Il fatto di trovarci in zona rossa serve proprio a non far circolare gli asintomatici. Chi ha sintomi è chiaro che non esce perché non si sente bene.

Anche il sindaco Gino Pellegrino, già nei giorni scorsi ha emanato un’ordinanza per tenere ancora chiuse le scuole, oggi, invece, vista la grave crisi epidemica, ha convocato il COC. “In considerazione dell’aumento esponenziale dei contagi – spiega Pellegrino- nell’ambito delle attività essenziali e il suo propagarsi nelle famiglie anche tra i concittadini più piccoli ho convocato per domani il COC (Centro Operativo Comunale) per valutare provvedimenti più restrittivi finalizzati al contenimento dei contagi. Nel frattempo invito la popolazione a non uscire di casa se non per questione di prima necessità. Vi esorto ad evitare visite a persone non conviventi e uscite non necessarie”.

Oggi 6 aprile ci sono stati 12 nuovi positivi, e gli attuali positivi sono saliti a 158. Più che fare appelli ormai non si può fare più nulla. L’irresponsabilità vista in questi giorni per le vie del paese dimostra come ormai la gente non ha più paura del virus finché non viene colpita in prima persona. Oltretutto Parete sta pagando un prezzo molto alto anche di vite umane che sono state stroncate dal covid. insomma, c’è poco da girare lo sguardo dall’altra parte, il nemico sta facendo quello che vuole usando le nostre gambe,