Mer. Mar 29th, 2023

ROMA – Sembrava la notte prima degli esami quella vissuta ieri sera nella direzione nazionale del partito per approvare le liste. Il PD corre a queste elezioni con il cuore infranto, poiché le rotture che ci sono state definiscono un percorso senza più speranze. Il Pd esce più debole.

Nomi che come negli altri partiti sono uguali a quelli che escono. Lucia Annibali correrà a Parma, Riccardo Nencini nel difficile collegio di Arezzo, Benedetto Della Vedova a Prato. Gianni Cuperlo a Sassuolo, Gianni Pittella a Potenza. Questi sono alcuni nomi che sono stati letti durante la notte. Saranno candidati Beppe Fioroni, Cesare Damiano, Barbara Pollastrini, che in un primo momento erano stati esclusi. Resta fuori il coordinatore di Dem Andrea Martella. Renzi sarà candidato nell’uninominale di Firenze al Senato e in due listini plurinominali. Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà candidato per la Camera nel collegio uninominale Roma 1 e in due listini proporzionali nelle Marche e in Sicilia.

In Campania sarà candidato Giuseppe De Mita, nipote di Ciriaco, ma anche Franco Alfieri, ex sindaco di Agropoli che era finito nella bufera per aver suggerito di offrire “fritture” per la campagna elettorale per il referendum.