Ven. Ago 12th, 2022

Uscire dall’Europa sarà la salvezza per tantissimi paesi dell’unione. L’eurogruppo, in cambio di soldi, invita il governo greco ad eliminare la legge Katseli, che nel 2015, nel pieno della crisi, aveva messo un freno ai pignoramenti delle prime case bloccando quelli nei confronti di famiglie composte da almeno 5 membri e che posseggono abitazioni di un valore fino a 280 mila euro. Una legge che ha permesso di salvare il salvabile in un momento dove i greci vedevano il loro futuro appeso ad un filo sottilissimo.

Ebbene, adesso la Grecia deve avere l’erogazione di 1 miliardo di euro, prima tranche dei quasi 5 miliardi di profitti delle obbligazioni greche detenute da Francoforte e da altri istituti centrali europei. Ma l’avvio dei fondi è stato rinviato ad aprile. Il motivo del rinvio è legato alle decisioni delle banche, che stanno facendo pressioni perché questa misura straordinaria venga abolita.

E l’Eurogruppo sta dando loro una mano.In realtà, l’eurogruppo chiede il ritorno alla normalità della Grecia, normalità che è più nelle parole che nei fatti. Il governo è tornato di recente sui mercati per raggranellare denaro, emettendo bond per 2,5 miliardi. Il Fondo monetario internazionale, la scorsa settimana, avrebbe avvertito la Grecia dei rischi inclusi nel suo sistema creditizio, proprio per via dell’alto numero di crediti deteriorati, compresi dunque quelli delle famiglie protette dalla legge Katseli.

Giù le mani dalle case dei popoli europei! Per ottenere lo sblocco dei fondi europei, la Grecia deve abolire lo stop ai pignoramenti sulle abitazioni delle famiglie insolventi. Le nostre proprietà sono il vero obbiettivo degli euroburocrati e degli speculatori, al prossimo Parlamento europeo faremo dichiarare la prima casa un bene sacro e impignorabile – ha detto la leader di Fratelli D’Italia Giorgia Meloni”.