Ven. Ago 19th, 2022

PARETE- Si aprono tre mesi interessanti nel comune di Parete, chiamato ad eleggere il nuovo consiglio comunale. Al momento una lista si è già accreditata con la presentazione ufficiale di domenica. Si attende con trepidazione cosa succede invece in casa centrosinistra, che liberatosi della sinistra estrema, porta al cospetto dell’elettorato una coalizione molto più moderata rispetto alle precedenti elezioni comunali.

Chi segue le vicende politiche calcando i marciapiedi, può annusare il sentimento dei cittadini veri, cioè quelli che non sono integrati nelle stanze dei partiti e non sono affianco a nessun’altra lista, e sono questi cittadini che lanciano il grido d’allarme nei confronti degli attori che stanno scendendo in campo.

Novità, a dire della gente, potrebbe essere invece il M5S, che presenta una squadra di giovani determinati, che non hanno mai fatto politica all’interno delle stanze dei bottoni, e per la gente sono loro la vera novità in questo contesto elettorale. Infatti, il M5S presenta una donna come candidato sindaco, Rosalba Rispo, giovane e preparata, che ha tanta voglia di mettersi al servizio della comunità, e questa novità piace ai cittadini delusi. C’è anche un altro fattore che va a favore del M5S, ed è il simbolo. Difatti, com’è successo già in altre realtà, il simbolo cattura più attenzione degli stessi candidati e quindi potrebbe risultare che i voti di lista sono superiori ai voti dei candidati stessi. Un fattore da non sottovalutare, poiché la gente potrebbe porre massima attenzione al simbolo come arma di ribellione nei confronti della vecchia politica.

La strada è ancora molto lunga, tre mesi di campagna elettorale sono tanti, ma già da queste prime battute si legge dalla bocca dei cittadini un distaccamento profondo nei confronti della politica e una voglia di riscatto che determina massima attenzione nei confronti di tutti quelli che si presentano come possibile futuro politico del paese.